Friday, July 18, 2008

Tempo di Summer School



Valgrisenche, luglio 2008. La banda dei quattro mette a segno il primo colpo. I "quattro" sono i centri di ricerca delle Università che hanno pensato di dare vita a un coordinamento interateneo sui temi dell'educazione mediale e dell'e-learning. Parlo del CREMIT dell'Università Cattolica, del Ce@ dell'Università di Modena-Reggio Emilia, del CARID-Lab dell'Università di Ferrara e del LISP dell'Università di Milano-Bicocca. L'occasione è stata la Summer School del Corso di Perfezionamento in Media Education che come Università Cattolica organizzo con la collaborazione dell'Istituto Storico della Resistenza di Torino.

Il tema della scuola era l'analisi dei media in contesto formativo. Semplice l'organizzazione: un catalogo di laboratori di tre giornate con la settimana divisa a metà da un giorno libero. L'abbiamo "riempito" con un'escursione al Rifugio degli angeli al Morion. Giornata meravigliosa, nemmeno una nuvola. Franco, la nostra guida, ci accompagnava. Tanta fatica, ma in cima sorprese a non finire. La prima ce l'ha riservata l'arco alpino: si vedeva per intero, dal Gran Paradiso, al Rosa, al Cervino. Solo il Bianco restava escluso. Seconda sorpresa. Dietro il bancone del bar, nel rifugio, vedo un volto noto. Ci guardiamo e ci riconosciamo: Sara, mia laureata in Cattolica, sta gestendo il Rifugio insieme al marito e a un gruppo di amici dell'Operazione Mato Grosso dopo averlo ricostruito. Un incontro incredibile che rende ancora più piacevole assaporare il risultato della fatica.

Tornando alla Summer, risultato straordinario, sia per la meravigliosa accoglienza riservataci da Paolo e Fabrizio, i simpatici e bravissimi gestori del Vieux Quartier, la struttura che ci ha ospitato e che diventerà sede stabile della Summer per gli anni a venire, sia per la parte corsuale. Le lezioni hanno visto alternarsi oltre a chi scrive (clicca qui per vedere le slides che ho utilizzato e i materiali 1 e 2 di riferimento), Simona Ferrari (dell'UCSC, clicca qui per vedere le sue slides e i suoi materiali), Michele Marangi, Tommaso Minerva dell'Università di Modena-Reggio, Giovanni Ganino dell'Università di Ferrara, Barbara Bruschi e Alessandro Perissinotto dell'Università di Torino (clicca qui per accedere ai materiali 1 e 2 utilizzati nelleloro lezioni). Grande la soddisfazione dei corsisti.

A contorno della settimana: un'esperienza di rafting tra le rapide della Dora, la visita al deposito delle fontine, tanta simpatia. Sono ingredienti che rendono efficace la formazione residenziale: appuntamento al prossimo anno.

[Clicca qui per vedere una selezione delle fotografie che documentano la Summer School]

4 comments:

Emiliano said...

Sono completamente d'accordo.
A mio parere la summer school è stata un successo. Così come la scelta del Vieux Quartier e della Valgrisenche. Ne approfitto, quindi, per ringraziare te e tutti quanti (marmotte comprese) hanno fatto si che si potesse trascorrere una settimana divertente ed interessante.
Davvero. Al prossimo anno.

Livia said...

E'stata una settimana bellissima e ricca di emozioni. E' la mia prima esperienza in una Summer School e sicuramente non l'ultima.
Laboratori interessanti e persone favolose, il tutto per un cocktail vincente!
Al prossimo anno! :-)

Livia

Pier Cesare Rivoltella said...

Ho pubblicato una selezione di una quarantina di immagini (raggiungibili in Picasa dal link nel post). Attendo i materiali di Marangi, Bruschi e Perissinotto per rendere disponibili anche quelli.

alessandra said...

Un'esperienza meravigliosa, con persone meravigliose. Grazie Pier Cesare per l'intuito sempre felice e la simpatia e grazie a tutti i presenti per il calore e la comunione d'intenti che hanno trasformato una semplice summer school in un momento di assoluta armonia.